Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione e offrirti servizi in linea con le tue preferenze, questo sito internet utilizza cookie propri e di terze parti.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Se desideri avere maggiori informazioni o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca sul tasto "maggiori informazioni".

 

E' il trattamento dentale ampiamente utilizzato in odontoiatria, che migliora l'aspetto estetico del dente rendendolo più luminoso e diminuendo la sua tonalità con il risultato di ottenere il dente con l'aspetto più bianco.

 

Esistono varie metodiche per ottenere denti più bianchi, tutte riconducibili all'utilizzo di agenti ossidanti che penetrano attraverso lo smalto e ossidano le sostanze cromogene che rendono il dente meno chiaro.

 

 

Riassumendo possiamo dividere le metodiche in:

 

  • sbiancamento domiciliare: vengono applicate le mascherine per tutta la durata del trattamento contenti il gel sbiancante, ripetendo la metodica per 10/15 giorni.

svantaggi: poca praticità, rischio di deglutire il materiale sbiancante durate l'applicazione, possibilità di un incorretto posizionamento della mascherina o peggio il suo non adeguato adattamento, ipersalivazione dovuta alla mascherina, modifica dello stile di vita per tutta la durata dello sbiancamento (es.: evitare caffè, vino, sigarette, cibi acidi, cibi pigmentanti, ecc.), ipersensibilità dentale protratta per tutta la durata del trattamento, rischio d'irritazione gengivale, bassa percentuale di ossidante con minor risultato finale.

  • sbiancamento alla poltrona: viene applicato il gel ad elevata concentrazione di ossidante, che può essere ulteriormente accelerato nella sua azione mediante lampade appositamente studiate.

vantaggi: risultati eccellenti immediati in un'unica seduta, supervisione continua del professionista, nessun rischio di deglutire il materiale sbiancante durate l'applicazione, modifica dello stile di vita per 24h, ipersensibilità dentale nulla o lieve che si estingue in breve tempo, azzeramento del rischio d'irritazione gengivale mediante la protezione del tessuto gengivale.

 

Effettuiamo lo sbianchiamo dei denti in un'unica seduta, totalmente sicura, affidabile, completamente indolore, senza danneggiare i denti.

 

L'utilizzo della lampada sbiancante ci permette di ridurre ulteriormente i tempi della seduta, ottenendo eccellenti risultati in tempi rapidi.

 

Saremo lieti di fornirti tutte le informazioni necessarie per il tuo sbiancamento dei denti.

 Perche' i denti diventano scuri 

I fattori che inscuriscono il dente sono molti:

  • L'avanzare dell'età determina l'invecchiamento del dente
  • Pigmentanti introdotti nel cavo orale (tè, caffè, vino rosso, fumo di tabacco, ecc.)
  • Alterazione  dello smalto già presente alla nascita (congenita)
  • Antibiotici nella fase di formazione dei denti (es: tetraciclina)
  • Dosaggio di fluoro eccessivo (Fluorosi)
  • Perdita della vitalità del dente

 Sbiancamento concentrazione e normativa 

Farmacie, grande distribuzione, web ti propongono spesso prodotti sbiancanti con costi ridotti che producono l'effetto sbiancante dei denti.

A tal proposito a partire dalla data 11 luglio 2013 il Ministero della Salute Italiano recepisce i due regolamenti (CE n. 1223/2009 e UE n. 344/2013) obbligatori negli Stati membri dell’Unione europea relativi ai prodotti per lo sbiancamento dentale.

In particolare i prodotti per lo sbiancamento dentale con concentrazione di perossido di idrogeno (presente o liberato):

  • dallo 0,1 % fino al 6 % (equivalente in carbamide 16%) possono essere venduti o distribuiti esclusivamente dal dentista a cui viene riservata, sotto la sua diretta supervisione, la prima utilizzazione. Non possono più essere immessi sul mercato come dispositivi medici ma solo come cosmetici.
  • inferiore allo 0,1% possono essere venduti in farmacia come cosmetici.
  • superiori al 6 % sono ad esclusivo utilizzo ambulatoriale del dentista e sono dispositivi medici.

 Criteri di esclusione 

  • Carie,
  • placca e tartaro,
  • gengive sanguinati e infiammate

Sono tutte situazioni che necessitano di una risoluzione preventiva, prima di poter procedere allo sbiancamento.

E' controindicato in caso di gravidanza, allattamento, allergia ai perossidi, età minore ai 12 anni.


Se dici di sottoporti al trattamento sbiancante, è necessaria una visita di controllo e la seduta di igiene professionale.

 Come funziona 

L'agente sbiancante attivo è la molecola dell'ossigeno che possiede caratteristiche chimiche grazie alle quali riesce a penetrare attraverso lo smalto.

I radicali dell'ossigeno raggiungono le sostanze cromogene, che colorano i tuoi denti, rompendone i legami che le tengono insieme, in tal modo non saranno più visibili.

L'ossigeno viene veicolato attraverso apposite formulazioni in gel, generalmente a base di perossido di idrogeno o di carbamide. Quest'ultimo è una formulazione più stabile per la conservazione ma che a parità di concentrazione con il perossido d'idrogeno libera circa 1/3 di ossigeno.

Il gel viene spalmato sulla superficie dei denti e grazie alla sua fotoattivazione con fonti di luce specifiche è possibile accelerare la liberazione di ossigeno riducendo il tempo della seduta.

Nello studio Cornalba utilizziamo il perossido d'idrogeno con concentrazioni superiori al 30% foto attivato dalla lampada con luce al plasma con cicli attivi di circa 6 minuti ripetuti per 2-3 volte.